L’acciaio Duferdofin-Nucor nel nuovo Ponte per Genova

22 luglio 2020 News, Steel News

Un Ponte che porta in sé i segni della sostenibilità e della bellezza. Un Ponte gettato sul futuro, ma che non vuole e non può dimenticare la tragedia dalla quale è nato. Il Nuovo Ponte per Genova, frutto della genialità dell’architetto Renzo Piano, e frutto della capacità costruttiva di due campioni del made in Italy – Fincantieri Infrastructure e Salini Impregilo (Webuild) – ha un’anima di acciaio e di acciaio vive.

E una parte di questo acciaio ha il marchio di Duferdofin-Nucor, azienda del gruppo DUFERCO.

Per dare il senso di questa realizzazione, del nuovo Ponte Genova San Giorgio che si candida a rappresentare l’Italia nel mondo, bastano alcuni numeri: una lunghezza complessiva di oltre un chilometro (1.067 metri); 18 pile di cemento armato; 19 campate a costituire la travata continua dell’opera. Le 18 pile hanno una sezione ellittica a sagoma costante. La forma dell’impalcato richiama la carena di una nave. A ricordare le vittime del crollo, 43 lampioni che proietteranno una luce a forma di vela.

Da record i numeri dell’impalcato principale: 80.000 metri cubi di scavi, 9.000 tonnellate di acciaio in armatura, 67.000 metri cubi di calcestruzzo utilizzato, 17.000 tonnellate di acciaio in carpenteria metallica (dati ufficiali “PerGenova”).

Per Duferdofin Nucor è un orgoglio avere partecipato a questa impresa corale, dove il meglio dell’Italia si è messo in gioco. Lo ha fatto rispondendo ad un ordine di Fincantieri Infrastructure che chiedeva una fornitura di angolari (L150X10 – L150X15) e una fornitura di travi (HEA 120 – HEA 160 – HEB 300). Un rapporto quello di Duferdofin-Nucor con il colosso della cantieristica e delle costruzioni in acciaio che dura da tempo.

Una collaborazione che in questo caso rende orgogliosi. IL NOSTRO ACCIAIO PER L’ITALIA DEL FUTURO.

Antonio Gozzi al webinar “L’acciaio per costruire le città, gettare ponti, creare reti” di siderweb.

Durante il webinar “L’acciaio per costruire le città, gettare ponti, creare reti”, dedicato all’utilizzo dell’acciaio per le costruzioni civili e industriali, Antonio Gozzi è stato intervistato da Lucio Dall’Angelo, direttore generale di siderweb. Tra le altre cose, nel suo intervento il CEO del Gruppo ha approfondito i significati e il valore che la ricostruzione del viadotto sulla valle del Polcevera ha per un ligure, per Duferdofin-Nucor e per tutto il Gruppo Duferco.

L’intervista di siderweb ad Antonio Gozzi | pt.1

L’intervista di siderweb ad Antonio Gozzi | pt.2



Tags